Pagina tecnica-Il Fuoco

Il Fuoco

 

 tipi di legna e loro potere calorifico

Carpino – 100

Quercia – 99

Frassino – 92

Acero – 91

Betulla – 89

Faggio – 80

Salice – 70

Abete – 70

Olmo – 67

Ontano – 67

Pino – 67

Larice – 65

Tiglio – 57

circostanze e tipi di legna adatti

Fuoco riflettore: Acero, Quercia, Olmo, Pioppo.

Fuoco da campo Pino, Faggio, Salice

Fuoco da cucina Ontano, Acero, Betulla, Carpino

 

 

 

il fuoco da cucina, a differenza di quello da campo, deve sprigionare molto calore piuttosto che luce.

Possibilmente sopraelevato, con il vento che non soffia sul cuciniere.

come brucia la legna

-il frassino brucia bene, sia secco che verde; è facile da tagliare e da spezzare; è eccellente quando viene mescolato con un legno più tenero.

-il faggio, tanto verde quanto secco fa una bella fiamma.

-la betulla si accende facilmente e brucia bene.

-il castagno brucia bene solo se secco.

-l’olmo si accende difficilmente, brucia male e senza fiamma.

-il tiglio quando è secco da molto calore.

-la quercia brucia lentamente e regolarmente.

-il pino è buono per avviare il fuoco, ma brucia troppo rapidamente.

 

Alimentazione di un fuoco da campo

è logico che il massimo di luce deve aversi in occasione di numeri mimati o rappresentativi, è necessaria meno illuminazione in occasione di canzoni, letture o cori parlati. L’attività del fuochista deve essere tempestiva e silenziosa, la legna deve essere già tagliata e divisa per grandezza. inoltre ricordiamoci che i rami sottili bruciano subito sprigionando molta luce, mentre i rami grossi mantengono la fiamma ma danno poca luce.

Questo sito fa uso di cookies. Altre informazioni | Chiudi