Pagina tecnica-Disinfettare una ferita

Come disinfettare una ferita

infermiere

Come disinfettare una ferita

Esistono vari tipi di ferita, e ognuna va curata in modo diverso:

ESCORIAZIONE: Riguarda la parte superficiale della pelle. Basta lavare la ferita con acqua fredda o acqua ossigenata e togliere i corpi estranei. È meglio lasciarla all’aria, dopo averla disinfettata.

LACERAZIONE: È più profonda. La ferita non presenta emorragie, ma va ispezionata per bene: bisogna controllare che non ci siano corpi estranei. Poi si disinfetta e si applica della garza sterile. Pomate o polveri non vanno mai usate.

FERITA DA TAGLIO: È la più frequente delle ferite. Di solito presenta un’emorragia; dopo aver bloccato il sangue si disinfetta e, se la ferita è profonda, si mettono dei punti per unirne i lembi.

FERITA DA PUNTA: È simile a quella da taglio, ma è più profonda e ha più probabilità di colpire organi interni. Se c’è emorragia si tampona o si applica la compressione a distanza.

FERITA INFETTA: Anche se è stata ben curata la ferita può infettarsi, formando pus: de non fuoriesce spontaneamente è bene favorirne l’uscita comprimendo delicatamente la pelle circostante, poi si disinfetta con disinfettante non alcolico.

Questo sito fa uso di cookies. Altre informazioni | Chiudi